FESTA DELLE ACQUE DI PIEDILUCO: LA TRADIZIONE SI RINNOVA DAL 25 GIUGNO AL 3 LUGLIO PER CELEBRARE IL SOLSTIZIO D’ESTATE

Sarà la Notte Romantica dei Borghi più belli d’Italia ad inaugurare, sabato 25 giugno l’edizione 2016 della Festa delle Acque di Piediluco, in programma fino al 3 luglio sulle sponde dell’omonimo lago, organizzata dalla Proloco di Piediluco in collaborazione con eventi.com, con il contributo del Comune di Terni e della Camera di Commercio di Terni, il patrocinio della Regione Umbria e il sostegno del Coni e dei Borghi più belli d’Italia. La manifestazione gode anche del marchio europeo di qualità EDEN, European Destinations of ExcelleNce per un turismo sostenibile.

Un’ occasione imperdibile per tutti gli innamorati di festeggiare la notte più romantica nella patria di San Valentino, nella cornice incantata del lago tanto amato dal pittore francese Camille Corot, con la suggestiva tradizione del Falò del Solstizio d’estate a fare da sfondo al proprio amore.

Tutte le coppie che parteciperanno alla Notte Romantica a Piediluco potranno festeggiare con una cena a lume di candela in battello, sospesi tra le acque del lago e le stelle. A loro sarà dedicato anche il suggestivo spettacolo delle lanterne volanti: gli innamorati potranno lanciare in cielo i loro desideri, affidandoli a migliaia di lanterne accese per l’occasione.

Potranno inoltre partecipare al contest Instagram con l’hashtag #BorgoRomantico2016: la foto più bella sarà premiata con un weekend in uno dei Borghi più belli d’Italia, naturalmente all’insegna del romanticismo! Infine, tutti coloro che, ispirandosi a San Valentino, volessero dar voce al proprio amore con pensieri e poesie potranno partecipare al concorso “Borgo Romantico” e ricevere in premio una Smartbox dei Borghi.

A fare da sfondo alla notte più romantica d’Italia, la suggestione antica del Falò del Solstizio d’estate che, come tradizione vuole, sarà acceso in mezzo al lago, nella notte del 25 giugno. Fuoco e Acqua si uniscono in un rito antichissimo che si ripete da millenni.

Dal borgo di Piediluco, un ricco corteo storico di figuranti in costume medievale, realizzato in collaborazione con il CIANS Comitato Italiano delle Associazioni Nazionali Storiche e gli arcieri storici, arriveranno sulle rive del lago, da dove gli stessi arcieri lanceranno frecce infuocate che illumineranno il cielo prima di raggiungere l’acqua e dar vita al grande falò acquatico.

La tradizione continua nel secondo fine settimana del 2 e 3 luglio con la sfilata delle barche storiche. Si narra che, fin dall’antichità, le genti del lago usassero ornare le imbarcazioni rituali per celebrare le divinità acquatiche, in particolare il dio Nettuno al quale era dedicato un tempio sulle sponde del ramo occidentale del bacino. Nel secondo dopoguerra, il rito della sfilata delle barche diventa una vera e propria sfida per la barca più bella. Da allora, l’artigianato dei pescatori di Piediluco è diventato un’ arte che ancora oggi affascina gli spettatori.

Ma la Festa delle Acque di Piediluco è anche colore, sport, divertimento. Una ricca vacanza all’aria aperta, a contatto con la Natura, in una cornice unica. Una coloratissima domenica attende, il 26 giugno, grandi e piccoli con il  Beach color mob, un vivacissimo e allegro holi festival, anch’esso simbolo di amore, di gioia e di felicità, a partire dalle 16,00 sulla spiaggia. E poi, ancora, artisti di strada, insoliti murales estemporanei, mercatini e bellissimi balconi fioriti, tra cui, alla fine della manifestazione, saranno scelti quelli più belli.

Tutti gli amanti dello sport potranno trovare occasioni di percorrere il lago in canoa (ricordiamo che il lago ospita il centro nazionale di canottaggio del Coni) o in moto, immersi nei bellissimi paesaggi del Parco fluviale del Nera, tra il verde intenso dei boschi, fiumi e cascate, piccoli borghi incastonati tra le montagne. Quest’anno, un’anteprima speciale anticiperà l’arrivo della Festa delle Acque: Domenica 19 giugno, farà tappa a Piediluco il Giro d’Italia d’Epoca, per tutti gli appassionati di ciclismo. Il 26 torna anche la tradizionale Corrilago, gara podistica che è anche occasione per ammirare uno dei paesaggi più intensi dello stivale. Il secondo weekend della Festa sarà anche occasione per i più piccoli per avvicinarsi ai diversi sport, d’acqua e non, grazie al Coni Regionale Umbria che, per l’occasione organizzerà -venerdì 1, sabato 2 e domenica 3 luglio- un mega laboratorio sportivo, in cui approcciare lo sport in sintonia con la Natura.

Tante le animazioni per i bambini e le famiglie, aperte tutti i giorni da sabato 25 giugno fino al 3 luglio, concerti e animazioni che arricchiranno le giornate di chi ha scelto di trascorrere la propria vacanza sulle rive del Lago di Piediluco.

Per gli amanti della tavola, da non perdere l’assaggio del tradizione piatto di Piediluco: i Carbonaretti. Il persico reale del lago viene, oggi come un tempo, cotto sulla brace in modo che la fiamma bruci le squame e la pelle, che una volta tolti, permettono di assaporare la polpa del pesce, condita semplicemente con sale, olio extravergine di oliva e aromi. Nel passato questo era il pasto dei pescatori che, di ritorno dalla pesca, si fermavano sulle sponde, accendevano le canne del lago secche e vi cuocevano sopra il pescato.  Da assaporare con un ottimo calice dei vini del ternano.

Programma e informazioni su www.festadelleacque.it

In occasione della Festa delle Acque sono stati ideati anche speciali pacchetti turistici, ideali per la coppia che intende vivere un fine settimana romantico o di lusso in riva al lago, oppure per la famiglia che voglia trascorrere la vacanza di una settimana, fatta di relax divertimento e contatto con la Natura. Anche gli sportivi hanno il loro spazio, con proposte ad hoc nelle acque del lago e nella verde Valnerina. Iniziative speciali anche per i camperisti che possono soggiornare direttamente “riva lago”. Ulteriori informazioni sui pacchetti all’indirizzo http://www.dreavel.com/ita/3/eventi/148/feste-delle-acque-2016-lago-di-piediluco-terni/ oppure via mail a soggiorno@festadelleacque.it

Sabato 28 e domenica 29 le Infiorate di Spello

Nell’impeccabile scenografia floreale offerta dal concorso “Finestre, balconi e vicoli fioriti” della Proloco-Iat Spello, si rinnovano come sempre gli appuntamenti più apprezzati dal pubblico: al Museo delle Infiorate le mostre dei bozzetti delle infiorate, di ricamo floreale e  di flower cake design, le mostre fotografiche di Mariella Santoni e del Circolo Cine foto amatori Hispellum, la mostra di pittura di Pietro Ricci nelle sale Emilio Greco del Palazzo Comunale. E nel weekend delle infiorate l’offerta crescerà con musica dal vivo, menu floreali a cura dello chef Roberto Sebastianelli di Fiorfrì nella taverna degli infioratori e anche in versione street food lungo il percorso, degustazioni di birra etica ai fiori di sambuco con il Microbirrificio DieciNove di Spello, visite guidate notturne ai siti d’arte e ai tappeti floreali, trenino turistico dai parcheggi e dalle aree sosta camper e mostra mercato di florovivaismo nei giardini pubblici. Mostre, ristoranti ed esercizi commerciali saranno aperti no stop dal sabato fino alla domenica, facendo da cornice al lavoro certosino degli infioratori e  alle migliaia di visitatori che popoleranno la città nella Notte dei fiori.

“Anche quest’anno sono più di 40 i gruppi infioratori che parteciperanno al concorso con quadri e tappeti floreali cui si aggiungeranno – ha detto il presidente dell’Associazione Guglielmo Sorci – altre infiorate estemporanee realizzate all’alba per dare continuità al percorso. In via Consolare, inoltre, per la prima volta sarà allestita un’area interamente riservata a quei visitatori che per un giorno vorranno cimentarsi nella realizzazione di un’infiorata, con il supporto costante di alcuni storici infioratori che in questa edizione non parteciperanno al concorso”.

Intanto, anche uno dei più amati protagonisti della fiction italiana ha espresso il desiderio di diventare “infioratore per una notte”: è Simone Montedoro, l’affascinante capitano Giulio Tommasi di Don Matteo, che ha annunciato la sua presenza a Spello tra il 28 e 29 maggio.

“La forte sinergia tra Comune e Associazione – ha sottolineato il sindaco Moreno Landrini – assicura una costante collaborazione con l’obiettivo di offrire con le Infiorate del Corpus Domini uno spettacolo unico realizzato grazie all’impegno, l’amore e le capacità artistiche degli infioratori. Le nuove pavimentazioni in molte parti del centro storico, come Piazza Kennedy con Porta Consolare e Via Giulia, qualificheranno ancora di più la manifestazione religiosa, artistica e culturale che fa conoscere la nostra Città d’Arte e dei Fiori in tutto il mondo”.

“L’infiorata di Spello è una delle massime espressioni dell’arte, della cultura e dell’artigianato della nostra regione. – ha commentato l’assessore regionale Fabio Paparelli – È il simbolo dell’Umbria su cui stiamo puntando, un’Umbria che può essere veicolata nei mercati turistici per la sua autenticità e originalità e per saper offrire quel turismo esperienziale e quelle emozioni di cui il turista è sempre più alla ricerca”.

Tra le novità del 2016, inoltre, il presidente  Sorci ha segnalato la costituzione di un nuovo gruppo di giovani infioratori della Scuola Secondaria di primo grado dell’Istituto Omnicomprensivo G. Ferraris di Spello: sono gli “Studenti in fiore”, che insieme all’Accademia dei boccioli danno un ulteriore contributo verso il futuro delle infiorate, che è nelle mani delle nuove generazioni…

Gli aggiornamenti del programma 2016 su http://infioratespello.it/myportfolio/programma/

Cantine Aperte in Umbria, sabato 28 e domenica 29 maggio

Ventiquattresima edizione per Cantine Aperte in Umbria, l’appuntamento enoturistico più atteso dell’anno, che ogni volta attrae nella regione migliaia di visitatori, interessati a conoscere il vino, il territorio e a trascorrere un fine settimana all’insegna del benessere e della qualità della vita.
Saranno 57 le cantine dell’Umbria che apriranno le porte nell’ultimo fine settimana di maggio, sabato 28 e domenica 29 con innumerevoli iniziative finalizzate alla scoperta della grande ricchezza della regione. E quest’anno a legare i territori a vocazione vinicola, da Montefalco al Lago Trasimeno, da Terni a Perugia, dall’Alto Tevere a Orvieto, da Spoleto a Torgiano, passando per Todi, Assisi e i Colli Martani, sarà il fil rouge della passione, con il claim #PASSION&VINO.
La passione è quella dei produttori umbri di vino, che con il loro intenso lavoro riescono ad offrire un prodotto di qualità elevata e, al contempo, permettono la salvaguardia e la valorizzazione di un territorio, sempre di più ricercato e apprezzato dai turisti del buon vivere. Passione è dunque la ricca offerta che caratterizza le cantine tutto l’anno: vino ma anche olio extravergine di oliva e altre produzioni tipiche, benessere, arte, sport e relax.
 
#PASSION&VINO è, insomma, #PASSION&UMBRIA, quella dei tanti wine lovers che, sempre più attenti e interessati, si riversano nel corso dell’anno nella regione per una vacanza in cantina. Nel corso del 2015 sono stati 100mila coloro che, sia in occasione degli appuntamenti firmati dal Movimento Turismo del Vino Umbria, sia grazie ai pacchetti turistici ad hoc ideati e promossi con le Strade del Vino e dell’Olio dell’Umbria, hanno raggiunto il territorio umbro trascorrendovi almeno una giornata all’insegna di Bacco. E le attese per la prossima edizione di Cantine Aperte in Umbria sembrano promettere bene, visto che la regione è selezionata come meta preferita da gruppi organizzati di Cral, sommeliers e operatori del settore, pro loco, una folta schiera di amanti del vino e del territorio che fanno dell’Umbria la meta di una vacanza organizzata, a tema. Dopo la prima importante esperienza del 2015, in cui oltre 12.500 sono stati i calici venduti in Umbria, anche nel 2016 il Movimento Turismo del Vino Italia sostiene la ricerca contro il cancro in collaborazione con AIRC, Associazione Italiana Ricerca contro il Cancro.
 
#PASSION&RICERCA sarà dunque l’iniziativa che coinvolgerà le cantine aderenti in tutta Italia presso le quali, in occasione de due giorni MTV, acquistando il calice ufficiale di Cantine Aperte 2016, si potrà contribuire alla ricerca contro il cancro, in quanto l’intero ricavato sarà devoluto per le finalità dell’associazione.
In Umbria, inoltre, insieme al calice e alla tasca portabicchiere sarà fornito anche l’immancabile Enometro, il misuratore di degustazioni, per un bere non solo consapevole ma anche attento e sicuro, realizzato grazie alla rinnovata partnership con SQUISY.
Partner del Movimento Umbria per l’edizione 2016 di Cantine Aperte saranno, ancora una volta, l’Associazione Regionale Strade del Vino e dell’Olio dell’Umbria, la Strada dell’Olio Extravergine Dop Umbria, con la quale si rinnova il “matrimonio di gusto” che vede ancora per il 2016 Cantine Aperte e Frantoi Aperti insieme per #Passion&olio
Novità di quest’anno, l’abbinamento vino-cioccolato, sotto il nome #Passion&cioccolato grazie alla collaborazione con BeWeel, Fabbrica di cioccolato Perugia, che sarà presente con un proprio spazio degustazione e vendita in sei cantine aperte: Goretti (Perugia), Antonelli San Marco (Montefalco), Lungarotti (Torgiano), Le Cimate (Montefalco), Chiorri (Perugia) e Madrevite (Castiglione del Lago).
Spazio inoltre  anche alle quattro ruote con #Passion&auto, in collaborazione con Gruppo Giustozzi (concessionario Audi, Porche, Volkswagen e Skoda) che con postazioni di auto selezionate tra i vari marchi permetterà di realizzare test drive tra i vigneti dei territori dell’Assisano, di Montefalco e  dell’orvietano. Ritorna l’ormai consolidata partnership con Granart – L’arte del Pane, fornitore ufficiale di snack salati di qualità.).
Moltissime altre saranno le passioni che le cantine sapranno raccontare e che permetteranno di viaggiare per l’Umbria in nome di #passion&picnic, #passion&musica, #passion&lumaca, passion&elicottero, #passion&verticali,…
Un ringraziamento particolare va anche a BCC di Spello e alla Camera di Commercio di Perugia che da anni sostengono tutte le iniziative del Movimento Turismo del Vino dell’Umbria. Il Movimento Turismo del Vino dell’Umbria, inoltre, promuoverà in occasione di Cantine Aperte due appuntamenti enogastronomici della regione, a cui ha dato il patrocinio: Vini nel Mondo, che si terrà a Spoleto dal 2 al 5 giugno e Piacere Barbecue, in programma a Perugia dal 10 al 19 giugno.Nell’interesse del pubblico e degli appassionati di vino ricordiamo che Cantine Aperte è un marchio di proprietà del Movimento Turismo del Vino, registrato e protetto giuridicamente per contrastarne qualunque abuso/imitazione e garantire ai consumatori qualità e professionalità nell’accoglienza, tratti distintivi delle cantine MTV, per cui invitiamo i visitatori di Cantine Aperte a voler individuare le vere Cantine Aperte, diffidando da quelle che non sono socie del Movimento e che non possono garantire la qualità dell’accoglienza.

A Perugia il Festival dei Cibi di Strada

I Giardini del Frontone di Perugia dal 26 al 29 maggio tornano ad ospitare, per il secondo anno consecutivo, il festival dello Street Food, cibi da strada preparati al momento, provenienti dalle regioni italiane, ma anche da altri paesi del mondo. Un’occasione di piacere per il palato, ma anche di socializzazione e di integrazione di culture e tradizioni.
Il contesto è uno dei più suggestivi del capoluogo umbro: gli storici giardini del quartiere di Borgo XX Giugno (il “Borgo Bello”), ai piedi della basilica di San Pietro, dove dalla mattina a mezzanotte i visitatori potranno scegliere di deliziarsi con picanha brasiliana, asado argentino, paella spagnola, cucina austriaca, hamburger di angus americano e inoltre, dalle regioni italiane, gnocco fritto e salumi emiliani, arrosticini e ceppe rosse abruzzesi, olive e fritti ascolani, panzerotti, pasticciotti, bombette pugliesi, pani c’a meusa e altre specialità della cucina siciliana, pizza cotta nel forno a legna, crêpes, pancake e altri dolci tipici. Il bar proporrà anche selezionate birre artigianali e sangria.
“Nel 2015 il successo dell’appuntamento –ha detto l’Assessore al Commercio, artigianato e mobilità del Comune di Perugia Cristiana Casaioli- è stato significativo, con 50.000 presenze di cui non ha beneficiato solo l’evento, ma tutta l’area del centro limitrofa al Frontone.” Ciò che è importante, secondo l’assessore, è il fatto che il cibo di strada diventa anche strumento di valorizzazione della cultura dei paesi da cui proviene, grazie ad un evento che è pensato per tutti, dalla famiglia ai giovani, con iniziative collaterali che completano l’offerta enogastronomica.
“La grande novità di quest’anno è Eve Street Food Gourmet, -dice Cristiana Mariani- un progetto che accompagnerà i nostri eventi con cibo da strada di altissima qualità interpretato e preparato da rinomati chef: il primo è umbro, Vittorio Ottavi di Ottavi Mare a Bevagna, che a Perugia preparerà il panino al nero di seppia con salmone, guacamole e burrata e il cartoccio con calamaretti fritti”.
Tra lezioni gratuite di fitness all’aria aperta con lo staff di Virgin Active Perugia, Instagram photo contest e passeggiate nel borgo, nella nuova area ristoro, allestita con tavoli e sedute, sarà possibile anche fare una pausa, degustando con calma le prelibatezze proposte negli stand. Per i bambini ogni giorno animazioni con Frozen, trucca bimbi, baby dance e due ospiti d’eccezione come il ventriloquo Nicola Pesaresi e il mago Dudi. E per gli appassionati di musica appuntamento ogni sera dalle ore 21 circa con alcune delle più interessanti band del panorama musicale perugino, Deeradio, Supernova, Sex Mutants e White Rose e con la Compagnia OLBC che sabato alle ore 19,30 proporrà un emozionante medley dei musical più famosi di tutti i tempi… Inoltre, tutti coloro che nei giorni dell’evento avranno consegnato all’Info Point la cartolina con allegato lo scontrino delle loro consumazioni potrebbero aggiudicarsi una delle tre vacanze a sorpresa messe in palio nell’ambito del concorso targato Street Food Perugia. L’estrazione delle cartoline è in programma domenica sera.
“Non si tratta, insomma, di creare solo un’occasione per mangiar bene – dicono gli organizzatori Francesco D’Arcangelo e Cristiana Mariani – ma per conoscere, socializzare e divertirsi animando le strade e le piazze, là dove si svolge la vita reale e dove si trasmettono e si contaminano le tradizioni e le culture, in una città come Perugia che, sempre più multiculturale ed europea, ha una lunga storia legata al cibo di strada, dalla torta al testo al panino con la porchetta”. Street Food Perugia propone un vero e proprio viaggio tra sapori tipici, sconosciuti o da riscoprire, dove cercare uno dei più significativi e immediati strumenti di conoscenza e di integrazione di valori culturali e identitari delle nostre regioni e dei popoli della terra.

Arga Umbria si presenta

treviL’Arga è l’associazione dei giornalisti che si occupano di Agricoltura, Alimentazione, Ambiente, Energie rinnovabili, Natura, Boschi, Foreste, Caccia e Territorio. L’Arga Umbria, che raccoglie i giornalisti della regione, fa parte dell’Associazione interregionale insieme a Emilia Romagna, Marche, Lazio e Toscana e da anni opera per promuovere le iniziative regionali negli ambiti di competenza.

Di recente, grazie anche all’ingresso di altri soci, si è voluto dare nuova vita all’associazione regionale dell’Umbria, creando questo blog e una pagina Facebook per restare sempre connessi e informare delle attività che si intende mettere in campo.
Attualmente, dell’Arga Umbria fanno parte Simona Maggi (Presidente), Elvisio Vinti, Gianfranco Ricci, Antonio Brunori, Maria Luisa Lucchesi, Emanuela Pinto, Monia Rossi, Filippo Benedetti Valentini e Danilo Nardoni.

Tra le attività realizzate in questo ultimo anno vi sono press tour che hanno portato in Umbria giornalisti da tutte le regioni limitrofe in occasioni di eventi di particolare richiamo, come Cioccolentino e Porchettiamo, visite alle fiere di settore come il Sigep di Rimini e il Cibus di Parma, la partecipazione a corsi di aggiornamento e a momenti di confronto nazionali.

L’intenzione è quella di incentivare la conoscenza e la promozione del territorio nonché delle attività regionali, dando spazio, sui canali Arga, a tutte le iniziative -convegni, eventi, appuntamenti di vario genere- che vengono organizzate nel territorio regionale. Più ambizioso, ma importantissimo l’impegno a portare in Umbria i colleghi di altre regioni che possano così fare da “cassa di risonanza” per la valorizzazione del territorio, così come quello ad organizzare corsi -anche nell’ambito della formazione obbligatoria dei giornalisti, in accordo con l’Ordine regionale- e incontri di approfondimento sulle tematiche di interesse, in collaborazione con l’Università degli Studi e con i soggetti operanti nei vari ambiti di interesse.

Invitiamo, dunque, tutti i colleghi che condividano obiettivi e impegni a collaborare con Arga Umbria per il raggiungimento degli obiettivi e la promozione del territorio. Informazioni al riguardo possono essere richieste all’indirizzo mail argaumbria@gmail.com o telefonando ai colleghi che fanno parte dell’associazione.