Tutela del territorio e monumentalizzazione del paesaggio con i Borghi più belli d’Italia

Si è svolto nella giornata conclusiva del Salone del Turismo Rurale di Città di Castello, domenica 11 settembre, il convegno organizzato da I Borghi più belli d’Italia dell’Umbria, che ha voluto essere un momento di riflessione ma anche di impegno futuro verso un’ulteriore valorizzazione e tutela del paesaggio storico rurale, quale elemento identitario unico e attrattivo per il turista.

“Scoprire il paesaggio dalle mure dei borghi -ha detto il presidente dei Borghi più belli d’Italia, Fiorello Primi, in avvio di convegno- rappresenta per il turista un plus che solo i nostri borghi possono offrire e che li rende unici. Per questo è fondamentale tutelare il paesaggio rurale che ci circonda.”

Proprio questa è stata la sfida lanciata dall’associazione, nel voler essere partecipi e protagonisti di questa prospettiva di sviluppo del turismo, soprattutto nell’ambito regionale umbro. Alla quale, peraltro, i Borghi hanno già cominciato a lavorare con il progetto I paesaggi più belli d’Italia, volto proprio alla monumentalizzazione dei paesaggi stessi. “Il nostro obiettivo -ha spiegato Antonio Luna, coordinatore regionale dei borghi umbri- è di creare un turismo del paesaggio. Il turista di oggi è maturo per questo e, attraverso criteri oggettivi, vorremmo identificare i paesaggi più belli d’Italia per rafforzare ancora di più l’attrattiva dei nostri borghi. Le mura, in questa prospettiva, non sono più quindi elemento di cesura tra la città e la campagna, ma piuttosto, punti di osservazione privilegiati e di partenza di itinerari ed esperienze uniche per il visitatore.”

Un motivo in più, dunque, per la tutela del paesaggio rurale, finora così frammentata da risultare quasi inesistente. Per questo il Ministero delle Politiche agricole ha voluto creare un vero e proprio Registro nazionale dei paesaggi rurali storici, punto di partenza di progetti e attività che salvaguardino l’identità territoriale come elemento di unicità e risorsa economica, sociale, turistica. “Nel tempo le nostre campagne si sono progressivamente spopolate -ha spiegato il Prof. Agnoletti, coordinatore scientifico dell’Osservatorio dei paesaggi rurali storici, che ha messo a punto il Registro- e si è rischiato di perdere l’unicità di quei territori insieme alle produzioni agricole che li caratterizzavano da sempre, che invece, erano elementi di competitività e di attrazione anche nel settore turistico.”

Oggi, quindi, diventa indispensabile mantenere e se necessario recuperare tali caratteristiche uniche, rafforzare il rapporto tra territorio e produzioni tipiche locali, che significa una produzione agricola identitaria e sostenibile, che insieme alla qualità ambientale e alla qualità della vita sono la ricchezza del territorio nazionale. “Siamo consapevoli che la ricchezza dell’Umbria è l’Umbria stessa -ha sostenuto l’Assessore all’Agricoltura e alla Cultura della Regione dell’Umbria Fernanda Cecchini, nel suo intervento al convegno- del resto, da noi, i beni culturali sono diffusi capillarmente sull’intero territorio. Non è un caso che i nostri borghi rappresentino un pacchetto turistico sempre più richiesto dai turisti. Eppure -ha sottolineato-non è facile il rapporto con il paesaggio perché questo è continuamente in evoluzione”. Tuttavia, un confronto sul tema e di riflessione tra diversi soggetti regionali è stato avviato al Salone, con l’impegno dell’assessore a creare un momento di dialogo per individuare misure comuni di salvaguardia del paesaggio rurale della regione.

Infine, un invito ai Borghi a mantenere l’autenticità della vita quotidiana che tanto attrae il turista è venuto dal Direttore Generale dell’Enit, Giovanni Bastianelli. “Dobbiamo imparare a raccontare meglio la grande ricchezza che abbiamo -ha concluso Bastianelli- e a commercializzarla adeguatamente, senza limitarci a promuoverla.” E’ anche con questi obiettivi che nei giorni scorsi Enit e Borghi più belli d’Italia hanno firmato un protocollo d’intesa per far conoscere i Borghi all’estero, con tutto il ricco patrimonio che li contraddistingue.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...